Gianluca Benamati | Investimenti e ricerca per il rilancio dell’Appennino
651
post-template-default,single,single-post,postid-651,single-format-gallery,ajax_leftright,page_not_loaded,boxed,,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-13.2,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.5,vc_responsive

Investimenti e ricerca per il rilancio dell’Appennino

Investimenti e ricerca per il rilancio dell’Appennino

Lago Brasimone

La visita di Teresa Bellanova, viceministro allo Sviluppo Economico, che lunedì 15 gennaio 2018sarà in visita al Centro Ricerche #Enea del Brasimone e poi a Castiglione dei Pepoli per un confronto con sindaci, amministratori e parlamentari del territorio, sarà l’occasione per affrontare il tema dello sviluppo del territorio montano.

In questi anni ho seguito da vicino i processi di sviluppo e le crisi aziendali che, purtroppo, hanno interessato imprese del territorio. In diversi casi siamo riusciti a limitare i danni. Il nostro obiettivo non è mai stato quello di difendere l’esistente, ma di creare le condizioni per lo sviluppo.

Le opportunità ci sono: nell’ultima legge di bilancio ad esempio, con un emendamento del quale sono stato firmatario, siamo riusciti a far inserire il tax credit anche per gli stabilimenti termali (così come per gli alberghi) che potranno beneficiare delle agevolazioni per gli interventi di riqualificazione.

Poi si dovrà cercare di portare sul territorio il progetto DTT, un grande programma internazionale di ricerca sulla energia da fusione. Può avere importanti ricadute sulla montagna e non solo: 500 milioni di euro di investimenti per realizzare un impianto che darà vita ad un polo scientifico-tecnologico, con circa 1500 addetti. Per costruire l’impianto servono sette anni, dando lavoro a centinaia di persone. Per la fase operativa è previsto invece l’impiego di 1.250 addetti per i 25 anni di durata del progetto di ricerca. La stima dell’impatto economico sul territorio è di 2 miliardi di euro. Il Centro #Enea del Brasimone, nel Comune di Camugnano, è candidato dalla Regione Emilia-Romagna ad ospitare il progetto.

Non mancherà, nelle prossime settimane, il mio impegno per contribuire allo sviluppo ed al rilancio del territorio e per cercare di avviare un progetto di ricerca di rilievo mondiale in grado di portare risorse e dare qualità al nostro Appennino. Tutti assieme ci possiamo riuscire.

No Comments

Post A Comment

Benvenuto *