Gianluca Benamati | BIOGRAFIA
16
page-template-default,page,page-id-16,ajax_leftright,page_not_loaded,boxed,,qode-title-hidden,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-9.5,wpb-js-composer js-comp-ver-4.12,vc_responsive

Gianluca Benamati

Nato a Camugnano (Bologna) nel 1962.

Dopo la laurea in Ingegneria Chimica ha iniziato a occuparsi di tecnologie innovative per uso energetico ed ambientale, ricoprendo diversi incarichi e sviluppando attività e progetti, occupando la posizione di Vice Direttore della Divisone Fusione Termomucleare Controllata e successivamente Direttore della Sezione di Ingegneria Sperimentale del Centro Ricerche ENEA del Brasimone.

Ha svolto la funzione di professore a contratto nel Politecnico di Torino per il corso di “Tecnologie Avanzate in Campo Energetico e Industriale” del Corso di Studi in Ingegneria Energetica ed è stato membro del Consiglio del Corso di Dottorato in Ingegneria Meccanica e dei Materiali dell’Università di Pisa.

È stato Presidente del Consiglio di Amministrazione di Co.Se.A, consorzio che raggruppa aziende che operano nel settore energetico-ambientale al servizio di 22 Comuni della provincia di Bologna e Pistoia, Amministratore Delegato della SIET s.p.a, società partecipata da ENEA ed ENEL operante nel settore delle tecnologie energetiche, e membro del Consiglio di Amministrazione di ERVET s.p.a., l’Ente Regionale per lo Sviluppo dell’Emilia-Romagna

È stato eletto parlamentare nel 2008 per la XVI legislatura ed in tale legislatura è stato componente della X Commissione Attività Produttive, Commercio e Turismo e successivamente della VIII Commissione Ambiente, Lavori Pubblici e Territorio della Camera dei Deputati. È stato presidente della Sezione bilaterale di amicizia – Unione interparlamentare con l’Africa Occidentale.

Rieletto parlamentare nel 2013 per la XVII legislatura è membro della X Commissione Attività Produttive, Commercio e Turismo e della Commissione parlamentare di inchiesta sui fenomeni della contraffazione, della pirateria in campo commerciale e del commercio abusivo della Camera dei Deputati. È capogruppo del Partito Democratico nella X Commissione Attività Produttive, Commercio e Turismo.